Cosa faccio

Mi impegno a sviluppare e a condividere quegli atteggiamenti consapevoli ed etici che rendono l’essere umano generatore e portatore di presenza mentale e visione profonda. 

Filosoficamente mi baso sugli insegnamenti sapienziali dell’India Vedica, del Buddha Dharma e del Taoismo

Praticamente insegno l’arte del vivere il presente attraverso tutte quelle tecniche psico fisiche (meditative) provenienti dello Yoga e del Qigong.

Se vuoi ci vediamo nelle varie esperienze che propongo online, in presenza, in cammino

Dove mi puoi trovare

La consapevolezza è il qui e ora e la si può avere dovunque tu voglia

Attenti nella complessità e nelle contraddizioni.

“Tutte le pratiche spirituali hanno lo scopo di sviluppare il nostro più alto potenziale umano, per vivere in un mondo complesso e spesso violento con una mente che, con fiducia, può essere ritenuta chiara e saggia e un cuore privo di difese e aperto a tutti gli esseri”
(Jan Chozen Bays nella prefazione di `Trust in mind`)

Il nostro ruolo di esseri umani non dovrebbe essere, se non in casi particolari, quello di ritirarci dalla società ma, al contrario, di esserne pienamente parte.

Ogni giorno abbiamo la responsabilità di sostenere la SCELTA.su come e quale qualità mentale portare avanti e far risuonare dentro di noi a prescindere dalla condizioni esterne.

Chi sceglie la via silenziosa e creativa, quindi manifesta, della cura, tendenzialmente coltiva quotidianamente queste tre qualità:

1- La qualità di riconoscere le circostanze e di sollevarsi al di sopra di esse per prendere un po’ di distanza. Avere chiarezza del quadro d’insieme e riconoscere così gli effetti delle proprie ed altrui azioni. Questa qualità si può sviluppare in molti modi, sicuramente la MEDITAZIONE di calma dimorante e l`indagine profonda (studio, analisi, sentire) è una via nobile da seguire.
“una mente che con fiducia possa essere ritenuta chiara e saggia”.
Quant`è che non senti un profondo stato di completezza?

2- Il nostro cuore spesso si difende, ci sentiamo feriti e ci mettiamo subito sulla difensiva o addirittura attacchiamo. Nello stato mentale della via silenziosa il nostro cuore è guarito, è privo di difese, aperto a tutti gli esseri, empatico.
Anche questa qualità si può sviluppare in diversi modi, tutti però vanno in direzione di una mente-cuore COMPASSIONEVOLE (nel senso buddista) e GENTILE (azioni libere da attaccamento).
“un cuore privo di difese e aperto a tutti gli esseri”.
Ti ricordi del tuo ultimo sorso d`acqua bevuto con gentilezza?

3- Allenarsi alla meraviglia.
Quant`è che non ti meravigli di un riflesso?

Quando la mente entra in uno stato meditativo c`è accoglienza, conoscenza ed empatia. Casa. Senza alcuno sforzo.
In quel momento non devi fare nulla, semplicemente essere presente.

Su fb continua....
...

Cosa ci fa un libro su come proporre e costruire un lavoro online e uno sulla prevenzione e la cura delle malattie psicosomatiche tramite il sostegno delle risorse interne sul mio tavolo?
Mi aiutano a crescere e a rimanere in contatto con la contemporaneità, mi stimolano a conoscere e mi allenano a rimanere aperto alle possibilità senza che perda la mia parte più selvatica.

Un giorno al monaco Thich Nhat Hanh gli venne chiesto quale era il modo migliore per condividere la saggezza della compassione e della consapevolezza; lui disse di non chiudere nessuna porta, perché magari è proprio dalla porta che hai chiuso che tale insegnamento potrà fluire.

Mantenendomi sempre vicino alle tradizioni sapienziali del passato, la ricerca continua anche attraverso lo studio e la pratica di saperi contemporanei.
Studiare è come viaggiare, ti porta a comprendere, ad agire quando c`è da agire e a lasciar andare quando c`è da lasciar andare. Indubbiamente queste azioni generano accoglienza.

C`è sempre più bisogno di aprire porte al dialogo, alla differenze, all`ascolto.

Questi due giovani maestri dei rispettivi campi d`indagine (Giorgio Gioacchini e Dr Fabio Rodaro Medicina Psicosomatica Integrata) per me sono in quest`ultimo anno due figure importanti e per questo ho deciso di ringraziarli. Da un lato mi stanno aiutando a crescere in esperienza, dall`altro mi stanno fornendo possibili nuovi scenari per continuare a proporre i miei vari insegnamenti sulle pratiche di consapevolezza.

In giro si respira un`aria sempre più illiberale, settaria e violenta, sale preoccupazione inevitabilmente, non possiamo permettere che la libertà duramente conquistata venga diminuita e che l`ignoranza dilaghi. Non chiudiamo le porte, apriamo i nostri orizzonti, studiamo, viaggiamo, facciamo del bene.

Nei mille contrasti di una realtà complessa lasciamo che non siano solo "belle" parole. Nelle varie singolarità agiamo per un bene comune!
...

RITROVA IL TUO EQUILIBRIO con il Qigong.

Come?
In tre giorni di pratica, di studio e di condivisione, andremo a nutrire l’energia interna (qi) e ad innaffiare il seme della presenza mentale in un’atmosfera rilassata, concentrata e gioviale.

Approfondiremo teoricamente e praticamente il Qigong; quell’arte di abitare sé stessi in armonia con la Natura. Quell’insieme di tecniche psico fisiche sviluppate in Cina in millenni di storia.

Il Qigong si fonda sui principi della medicina tradizionale cinese e sul pensiero filosofico taoista. Come citava Jung è una “medicina universale”.

È quindi una pratica volta a mantenere e ristabilire la salute, in cui sono coinvolti il corpo e la mente. La sua pratica può contribuire a prevenire e a curare vari disequilibri psico fisici, quindi a rendere più "completa" e consapevole la vita.

Nel seminario ci baseremo sui i tre pilastri classici del Qigong:
• equilibrare il corpo (Tiao Shen)
• equilibrare il respiro (Tiao Xi)
• equilibrare la mente (Tiao Xin)

Con l’ausilio della mente-cuore (xin), dell’intenzione (yi), lasciamo che il respiro fluisca con naturalità (ziran) e che i movimenti del corpo si liberino con armonia, forza e grazia.

Il Qigong ci spinge verso la Natura e il naturale, ci porta ad osservare, a conoscere e a far esperienza delle dinamiche, o leggi basilari, che regolano la nostra sfera fisica, mentale ed emozionale.

Come ci insegna il Taoismo essere in equilibrio fra le molteplici dualità (yin, yang) e lasciarsi andare senza sforzo con esse (wuwei).

Il Qigong ci porta a liberarci in ciò che i cinesi chiamano Tao.

“Vivere con i limiti, liberarci dai limiti”.

Benefici?
. Miglioramento dell’equilibrio fisico, mentale ed emozionale
. Rafforzamento dell’energia originaria, nutritiva e difensiva
. Aumento della consapevolezza di sé stessi e della relazione con le forze Naturali (concentrazione e lasciarsi fluire).
. Aumento dell’energia di concentrazione
. Rafforzamento del potere dell’intenzionalità

Quando?
dal 21 al 23 giugno 2024

Dove?
Il ritiro si svolge nella Natura del parco di una villa settecentesca tipica delle colline pisane, a Crespina. Un luogo ideale per fare esperienza di armonia.

...
...

Dicono di me

5/5

BIANCA

Nico, con la sua saggezza e gentilezza (e tante altre cose!) riesce a cambiare la tua vita, il tuo modo di guardare le cose, ma come dice lui, solo se scegli di essere "una spugna" e lasciarti permeare di quella grande conoscenza di cui si fa portavoce.

5/5

MICHELE

Nico é speciale, le sue pratiche sono sempre varie e ricche; lui comunica pace e amore ma anche tanta conoscenza, e lo fa in modo chiaro e con la consapevolezza di chi sa che é ancora in cammino. Con lui capisci con la mente e capisci con il cuore.

5/5

CAROLA

Il silenzio, la parola piena, pregnante, giusta, nella voce di quei saperi antichi e preziosi; tutto questo ci ha trasmesso nei viaggi e nei ritiri Nico, supportato sempre da una profonda attenzione e una umiltà che è raro trovare.

5/5

ELISA

Silenzio, meditazione, consapevolezza. Questo breve cammino per me è stato un massaggio al cuore che ha cambiato tante piccole cose e che mi ha portato ad una consapevolezza maggiore del me stessa, degli altri e di ciò che ci unisce agli elementi. Sono partita piena di paura e sono tornata a casa con un grande sorriso. Grazie Nico

Collaboro con